• Visit the USI website
  • Go back to the homepage

Institute for Research in Biomedicine
Istituto di Ricerca in Biomedicina

Via Vincenzo Vela 6 - CH-6500 Bellinzona
Tel. +41 91 820 0300 - Fax +41 91 820 0302 - info [at] irb [dot] usi [dot] ch

Un nuovo studio dell'IRB pubblicato nella rivista Genes & Development

on Tuesday, January 9, 2018

Un articolo pubblicato di recente nella rivista Genes & Development descrive come le cellule siano in grado di riparare il DNA rotto.  Il DNA di ogni organismo vivente è soggetto a rottura e la sua mancata riparazione può portare a morte cellulare, mutagenesi e alla formazione di tumori. Le cellule usano la ricombinazione omologa o la giunzione non omologa per riparare il DNA rotto. Giordano Reginato, Elda Cannavo e Petr Cejka dell’Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), un istituto affiliato all’ Università della Svizzera italiana, utilizza il Saccharomyces cerevisiae, una specie di lievito che si riproduce per gemmazione, come campione di ricerca per indagare i meccanismi di rottura e riparazione del DNA.

Nel 2014 il laboratorio aveva già pubblicato sulla rivista Nature uno studio sull’argomento di riparazione del DNA tramite ricombinazione omologa. Nello studio attuale, il gruppo dell’IRB mostra come la proteina Ku, esistente in abbondanza alle estremità del DNA, è in grado di promuovere l’elaborazione finale del DNA e quindi la sua ricombinazione. La ricerca è stata pubblicata assieme ad un documento del Laboratorio Sung (Università di Yale) che descrive risultati analoghi. L. Symington (Columbia University) ha scritto un articolo che mette in risalto entrambi i lavori.

Articolo

Physiological protein blocks direct the Mre11–Rad50–Xrs2 and Sae2 nuclease complex to initiate DNA end resection

Giordano Reginato, Elda Cannavo, Petr Cejka.